#MuéveteconResponsabilidad

Plan de choque del sector turístico de Aragón por el Covid-19

Más información
Aragona in 15 giorni
Percorso

Aragona in 15 giorni

Scoprite gli angoli più belli della nostra terra
Aggiungere al mio viaggio

Anche a disposizione Aragona in 7 giorni

15 giorni per immergersi nella ricchezza culturale e nella natura esuberante, scoprire la sua gente cordiale o gustare la sua gastronomia.

Luoghi da visitare
20
Chilometri attraverso paesaggi indimenticabili
1826
Monumenti del patrimonio storico
10

Giorno 1 Saragozza e il suo centro storico

Crogiolo di culture, crocevia, capitale dell'Aragona. Cosí è Saragozza. Romani, ebrei, musulmani e cristiani hanno lasciato, in oltre 2000 anni, un'eredità spettacolare alla quale dovrete dedicare almeno due giorni.

Sulle rive del fiume Ebro si trova il più grande tempio mariano della cristianità. La “silhoutte” inconfondibile della Basilica del Pilar ci accoglie e ci dà il benvenuto in una delle più grandi piazze d'Europa. Nella stessa piazza, l'imponente Cattedrale del Salvatore, La Seo, è un mosaico di stili artistici che affascina dentro e fuori.

Nei dintorni, passeggiate per le stradine del centro storico e scoprite il percorso museale di Caesaraugusta, il Museo Goya, il mercato rinascimentale, il Ponte di pietra, le case signorili e gli esempi mudéjar ovunque.  Non dimenticate di assaggiare la gastronomia locale a "El Tubo" e di riposare dall'altra parte del fiume Ebro nel Balcón de San Lázaro, guardando una foto “di cartolina”.

È passato un giorno, ma la notte rimane ancora e la città offre una variegata offerta culturale in teatri, cinema, bar... Dopo di che, forse, dovreste ritirarvi per assimilare ciò che avete vissuto e recuperare le forze.

Giorno 2 Saragozza, c'è ancora di più

Dovrete lasciare i domini romani e attraversare il suo muro per raggiungere il luogo in cui i musulmani eressero il Palazzo Aljafería nell'XI secolo, la vetta dell'arte ispano-musulmana, oggi sede delle “Cortes de Aragón”, il Parlamento del nostro paese.

Poi si cammina attraverso il Parco José Antonio Labordeta, le sue fontane e i suoi giardini segnano la passeggiata principale, si sale la scalinata monumentale o la si scende e si condivide il panorama con “Alfonso I El Batallador”.

Risparmiate tempo per visitare le sale del Museo di Saragozza, una passeggiata nella storia, o il moderno IAACC Pablo Serrano, per ammirare l'eredità dell'Esposizione Internazionale dell'Acqua 2008, per rilassarvi su una piccola terrazza o per fare shopping... Saragozza ha tutto.

Giorno 3 Monastero di Pietra, Calatayud e Daroca

Fuggire in un giorno per visitare Calatayud e una delle enclavi più famose di Aragona: il Monastero di Pietra. Un complesso turistico che comprende il monastero cistercense con più di 8 secoli di storia e un bellissimo parco naturale dove si può camminare per almeno tre ore tra grotte, laghi e cascate.

A pochi chilometri di distanza, la monumentale città di Daroca apre le porte delle sue mura per presentare un quadro urbano storico. Passeggiate attraverso di essa dalla “Puerta Alta” alla “Puerta Baja” delle mura della città, senza dimenticare di visitare la Collegiata di Santa Maria e di interessarvi alla leggenda dei “Corporales” o del Corpus Christi.

Se il tempo permette di prolungare il percorso, Anento sarà l'opzione ideale. Dichiarato uno dei più bei villaggi della Spagna, vi sorprenderà, soprattutto l'Aguallueve, una sorgente da cui sgorga acqua in modo permanente.

Giorno 4 Tarazona, Veruela e il Moncayo

Solo 90 chilometri vi separano da Tarazona e dalla sua splendida cattedrale di Santa María de la Huerta, dalla sua particolare arena, dalla magnifica facciata del municipio e dai quartieri moreschi ed ebraici. Dirigetevi verso il Moncayo, guidati dalla sua cima, forse innevata, dove si genera la collina che pulisce la valle dell'Ebro. Apprezzate la sua fauna e la sua flora scegliendo uno dei sentieri segnalati che la attraversano. E alle pendici del Moncayo, il Monastero di Veruela, costruito nel XII secolo dall'Ordine Cistercense e dimora di illustri scrittori, le sue mura custodiscono segreti che vi invitiamo a decifrare.

Giorno 5 Huesca, Loarre e San Juan de la Peña

È giunto il momento di salutare la capitale dell'Ebro e di proseguire verso nord per scoprire la leggendaria città di Huesca. Passeggiando per il centro storico scopriamo monumenti importanti come la Cattedrale gotica, la Chiesa e il Chiostro di “San Pedro el Viejo”, il Museo di Huesca o la Basilica di San Lorenzo, patrono della città.

Ci dirigiamo a nord-ovest attraverso la “Hoya de Huesca” per raggiungere il Castello di Loarre, una delle fortezze medievali meglio conservate di Aragona e considerata uno degli edifici più belli e perfetti del romanico europeo. Guardando le sue torri o una qualsiasi delle sue frecce, si apre davanti ai nostri occhi uno scenario cinematografico.

Ma la giornata sarà ancora più intensa con la visita al Monastero Reale di Juan de la Peña, che raggiungeremo dopo aver percorso la strada tortuosa che attraversa il Regno dei Mallos e che ci porta ai Pirenei. Testimone delle origini del Regno d'Aragona, pantheon dei re e importante centro religioso e politico nell'XI secolo, riceve il suo nome dalla sua particolare posizione in un luogo tra le rocce. A pochi chilometri si trova Santa Cruz de la Serós.

 

Giorno 6 Jaca, Valle d'Aragona e Canfranc

Iniziamo il percorso a Jaca, nel cuore dei Pirenei aragonesi, il cui centro urbano è dominato dalla “silhouette” della Cittadella. Una fortezza difensiva di forma pentagonale circondata da giardini che, insieme alla Cattedrale, è il centro dell'attività turistica. La Cattedrale di San Pietro, un gioiello dell'architettura romanica spagnola, è un pezzo chiave del Cammino di Santiago in Aragona.

Se si risale questa via di pellegrinaggio attraverso la Valle d'Aragona, si arriva quasi al confine con la Francia, in quella che un tempo era la più grande stazione ferroviaria della Spagna; l'imponente e storica stazione ferroviaria internazionale di Canfranc

Nella stagione invernale si può approfittare dell'opportunità di sciare nelle stazioni di Astún e Candanchú.

Giorno 7 Valli occidentali e Val di Tena

Essendo nella capitale di Jaén, non possiamo perderci le valli di Ansó e Hecho, nella parte più occidentale dei Pirenei aragonesi. Ci sono molte possibilità di trekking nella Valle di Zuriza o nella Foresta di Oza e bellissime ville, un modello di architettura popolare dei Pirenei, situate in mezzo alle montagne.

E naturalmente, l'adiacente Valle de Tena, con i bacini di Lanuza e Búbal e le città di Lanuza, Sallent de Gállego o Biescas. Se siete amanti degli sport invernali, Formigal-Panticosa è la più grande destinazione sciistica della Spagna.

Anche con un giorno in più nella zona, potremmo arrivare da Jaca al norde della regione “Cinco Villas” in poco più di un'ora. Vale la pena visitare la casa natale di Ferdinando II d'Aragona; Sos del Rey Católico che, insieme al vicino Uncastillo, ha tra le sue attrattive un ricco patrimonio romanico.

Giorno 8 Parco Nazionale di Ordesa e Ainsa

Arriviamo a Torla ed entriamo nel bellissimo Parco Nazionale di Ordesa e Monte Perdido, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Con più di 100 anni di storia e migliaia di sviluppi naturali, questo è il gioiello più impressionante dei Pirenei aragonesi. Intensi percorsi di trekking, belle passeggiate in montagna o punti panoramici impressionanti che si possono raggiungere quasi senza camminare, si sceglie come attraversare la valle dell'Ordesa, il canyon dell'Añisclo, la gola dell'Escuaín o la valle della Pineta.

E dopo il percorso, una tranquilla passeggiata attraverso le strade acciottolate dell'Aínsa medievale. Riposatevi sulle panchine o sulle terrazze della Plaza Mayor e immaginate la convivenza tra mori e cristiani secoli fa in quegli stessi portici, come ci racconta ogni due anni la "Morisma de Aínsa".

Se riuscite a prolungare il vostro soggiorno, non esitate a venire nella Valle de Benasque, un paradiso naturale sia d'inverno che d'estate, dove si trova il più alto numero di cime di 3.000 metri dei Pirenei nei massicci del Maladeta, del Posets e del Perdiguero, l’”Aneto”.

 

Giorno 9 Alquezar, Sierra de Guara, Barbastro e Monzón

Praticate 'Slowdriving' per entrare nella Sierra de Guara da Ainsa.  Vi attende Alquézar, un'imponente fortezza medievale immersa in un ambiente naturale spettacolare. Percorsi come il Pasarelas del Vero vi daranno un'idea della bellezza del paesaggio. Non esitate a partecipare a una delle visite guidate alle pitture rupestri del Parco Culturale del fiume Vero.

Il percorso prosegue verso Barbastro, capitale del Strada del Vino Somontano, terra nota per la qualità dei suoi vini.  E da lì si va a Monzón, riconoscibile in lontananza dalla sagoma del suo imponente castello templare.

Giorno 10 Monasteri di Sigena e Rueda, Alcañiz e Valderrobres

La regione del Monegros presenta, tra i suoi paesaggi stepposi, la laguna di Sariñena, peculiari formazioni geologiche e interessanti enclavi culturali come la “Cartuja de las Fuentes” o il Monastero di “Santa María de Sijena”, entrambi visitabili con una visita guidata nei fine settimana. Se siete interessati alla storia legata alla Guerra Civile, non perdetevi il Robres Interpretation Centre e il percorso dello scrittore Orwell.

Proseguiamo il nostro percorso verso sud e attraversiamo la valle dell'Ebro per raggiungere il Monastero di Rueda, un bellissimo esempio di arte cistercense in Aragona che conserva tutte le sue stanze medievali e un curioso campanile in stile mudéjar.

In 45 minuti arriviamo ad Alcañiz. Passeggiando per la sua struttura urbana, un tempo un circuito di corse, scoprirete il suo mercato gotico, il suo municipio rinascimentale e l'ex collegiata di Santa María la Mayor. Se andate all'ufficio del turismo, vedrete i passaggi sotterranei. Vi consiglio di salire al Castello dei “Calatravos” che corona la città sulla collina.

Forse oggi ci sarà una gara sul circuito di Motorland Speedway, sede dell'annuale campionato mondiale di Moto GP. Andiamo a vedere?

In mezz'ora siamo a Valderrobres, capoluogo del Matarraña, una regione simile a la Toscana, che nasconde veri e propri tesori naturali e artistici. Il monumentale castello di Valderrobres è, insieme alla chiesa di Santa María la Mayor, uno dei siti gotici più belli di tutta l'Aragona.

Giorno 11 Mirambel, Cantavieja e l'Iglesuela del Cid

Oggi ci rechiamo nella regione del Maestrazgo, uno dei pochi luoghi dove si può godere del silenzio e della vita tranquilla dei suoi incantevoli villaggi.

Entrate, attraverso il “Portal de las Monjas”, nel recinto murato di Mirambel, dichiarato Premio Europa Nostra per il suo restauro. Passeggiate per il centro città senza perdere di vista i tralicci e la sede comunale.

Cantavieja si trova in cima a una roccia scoscesa. Il suo quartiere storico, dichiarato anche Sito di Interesse Culturale, possiede uno dei più completi complessi monumentali del gotico aragonese.

La prossima fermata è La Iglesuela del Cid. Sarete sorpresi dalla bellezza dei numerosi palazzi e palazzi rinascimentali che vedrete in ogni angolo.

Giorno 12 Rubielos de Mora e Mora de Rubielos

A Mora de Rubielos rimarrete colpiti dalla grandiosità del suo castello, uno dei meglio conservati d'Aragona. L'altro grande tesoro è la sua ex chiesa collegiata di Santa Maria, in stile gotico.

D’altra parte, Rubielos de Mora, con i suoi muri, le sue case, i suoi patii... offre uno degli scenari urbani più attraenti della provincia. Il suo attento restauro lo ha reso degno del premio Europa Nostra. È anche interessante, soprattutto se si va con i bambini, fare una visita alla Región Ambarina, il sotto-venue del Territorio Dinópolis della città.

Se siete appassionati di sci, le stazioni di Javalambre e Valdelinares vi offrono le loro moderne strutture per la pratica dello sport bianco.

Il cielo limpido, privo di inquinamento luminoso, delle catene montuose del Gúdar e dello Javalambre, a sud di Teruel, vi permetterà di vedere le stelle. Quindi è qui che passeremo la notte.

Giorno 13 Teruel

Nella città degli innamorati, è facile innamorarsi della loro arte. Il bellissimo quartiere medievale di Teruel è disseminato ovunque di mudéjar. Questo stile artistico, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, permea le sue torri e la sua cattedrale. Ma per capire la famosa leggenda, bisogna vedere il Mausoleo degli Innamorati e, ancora meglio, visitare Teruel a febbraio, durante la celebrazione di "Las Bodas de Isabel".

Tempo di riserva per Dinópolis. Il suo Museo Paleontologico e le moderne attrazioni vi condurranno nell'emozionante mondo dei dinosauri.

Giorno 14 Albarracín, Peracense e Gallocanta

Iniziate la giornata con energia per scoprire uno dei più bei villaggi della Spagna: Albarracín. La sua cinta muraria, le ripide vie del centro, la cattedrale e l'architettura popolare ne fanno un luogo pittoresco e unico.

La Sierra de Albarracín nasconde luoghi magici di natura esuberante. Vale la pena di addentrarsi nel paesaggio protetto delle “Pinares de Rodeno” e ammirare l’arte rupestre del Parco Culturale di Albarracín.

L'ambiente rossastro che caratterizza questo paesaggio ci accompagna anche nel Castello di Peracense, costruito in pietra rossata e mimetizzato con il terreno su cui sorge.

Continuiamo ad esplorare le terre aragonesi in direzione nord e arriviamo all'enclave ornitologica per eccellenza; la laguna di Gallocanta. Habitat naturale per varie specie di uccelli, ospita soprattutto le gru sulle loro rotte migratorie, che si possono vedere a centinaia da novembre a febbraio.

Giorno 15 Cariñena, Fuendetodos e Belchite

Nel dominio di Strada del Vino Campo de Cariñena, i vigneti che producono i famosi vini a denominazione d'origine sono allevati e si possono degustare in una delle loro cantine. Le ceramiche create dagli artigiani di Muel sono eccezionali e i loro colori e la loro qualità le rendono famose in tutto il mondo.

Nelle vicinanze si trova il luogo di nascita del geniale pittore aragonese Francisco de Goya. A Fuendetodos si possono visitare la sua casa natale e il Museo dell'Incisione, con le quattro serie complete dell'artista.

Prenotate la vostra visita guidata del “Pueblo Viejo” presso l'ufficio turistico Belchite (o sul suo sito web). Attraverso le sue rovine e le sue strade abbandonate, sentirete la storia di uno degli episodi più scioccanti della Guerra Civile.

Torniamo nella capitale aragonese e siamo giunti alla fine del nostro percorso, ma il viaggio non finisce qui, avrete sicuramente lasciato lungo il percorso alcuni luoghi sorprendenti che vorrete rivivere. Partite carichi di esperienze e non vediamo l'ora che ritorniate. Vi stiamo aspettando.